Premio Bice Bugatti Giovanni Segantini Libera Accademia di Pittura Premio città di Nova Bice Bugatti Club Premio Bugatti Segantini Internazionale Premio Vittorio Viviani Collezione Vittorio Viviani Collezione Cavina

Artisti - Premio Bugatti Segantini Internazionale

Mamani Rossmary
Data di nascita: 1/01/2012

Nata nella provincia di Omasuyos, comunità Cajiata, sulle rive del Lago Titicaca in Bolivia, si è diplomata alla Escuela Municipal de Bellas Artes di El Alto (Bolivia). Ha partecipato a numerosi concorsi e mostre nazionali ottenendo diversi riconiscimenti. 

Da anni, ormai, il proyecto mARTadero (Cochabamba – Bolivia) e Bice Bugatti Club (Nova Milanese – Italia), sono responsabili per progetto Territori del Sud, con il quale non solo sono riusciti a presentare in Italia numerosissime opere provenienti dal Nord del Cile, dal Sud del Perú, dal Nord dell’Argentina e dal territorio boliviano e viceversa - dando la possibilitá ai partecipanti del “Premio Internazionale Bice Bugatti- Giovanni Segantini” di ricevere riconoscimenti e premi –  ma hanno potuto anche dimostrare che l’azione indipendente e collaborativa é la miglior risposta all’inattivitá delle istituzioni della cultura ufficiale.

“Territorio Culturale - Centri del Sud” è un concetto che si ripropone di andare oltre i limiti, tanto creativi quanto territoriali, cercando di decentralizzare la produzione artistica e culturale - per lo più concentrata nelle capitali dei paesi inclusi nel progetto “Territori del Sud” (Bolivia-Cile-Perù-Argentina) - attraverso l’attivazione di nuovi nodi nevralgici, che possano favorire uno scambio artistico a livello locale, nazionale e internazionale.

Tra gli artisti del progetto c’è anche Rosmery Mamani Ventura L’opera esposta si intitola Territorio libre e, come scrive Fernando García Barros, “inquadra la parte centrale, busto e gambe, di un lavoratore, forse un minatore: noti sono gli scontri, anche recenti, dei boliviani con il governo, a causa delle dure condizioni lavorative e della povertà del luogo.

Se l’arte deve farsi carico della società in cui vive, il Territorio libero di Mamani pare allora essere quel muro sul quale restano le tracce di un passaggio umano, un territorio da ri-scrivere con le mani libere dai mezzi con i quali si lavora duramente senza ottenere i necessari sostegni”.

 


Opere dell'artista nella collezione: